Capo Verde è il paese africano con più investimenti delle Baleari

Capo Verde è diventato il paese africano con il maggior investimento nelle Isole Baleari, in cui Riu, Meliá, Iberostar e Barceló saranno i principali protagonisti, insieme a tutte le società di servizi che collaborano con le catene alberghiere maiorchine nel loro processo in corso d’internazionalizzazione.

Il Paese africano raddoppierà in meno di tre anni la propria offerta alberghiera all’estero sulle isole di Boa Vista e Sal, dove si concentreranno i progetti per la realizzazione di nuovi alberghi a quattro e cinque stelle. Capo Verde ha attualmente 12 hotel gestiti o di proprietà di catene maiorchine e nel medio termine aumenterà a più di 21 stabilimenti grazie ai progetti che Meliá e Barceló realizzeranno.

Dalla catena presieduta da Gabriel Escarrer Juliá, indicano: “Ora abbiamo cinque hotel in gestione con un totale di 2.100 camere e si prevede di aumentare la nostra offerta di altre cinque a partire dal 2023, il che aumenterà la nostra capacità di altre 1.700 camere “. Da Meliá sottolineano che a Capo Verde “abbiamo un’attività molto solida e completa in questa destinazione, perché sotto lo stesso marchio abbiamo un’offerta molto diversificata e focalizzata sulla cattura di tutti i segmenti di mercato, sia in termini di turismo attivo, familiare e colui che cerca solo il riposo». La compagnia sottolinea che la destinazione si è completamente ripresa durante questa estate e in inverno “si sta consolidando più fortemente e raggiungendo cifre vicine al 2019”.

Il direttore generale dell’area atlantica del gruppo Barceló, Ángel Esquinas, annuncia un vero e proprio sbarco a Capo Verde: «Il prossimo anno inizieremo la costruzione di un hotel a cinque stelle con 200 camere sull’isola di Sal su un terreno che sono di nostra proprietà».

Aggiunge che a questo progetto si aggiungeranno uno stabilimento sull’isola di Praia e altri due a Boa Vista. «Si tratta di piccoli alberghi di altissima qualità, che nel complesso non supereranno le 600 camere. Per il gruppo Barceló, questo paese ha un grande potenziale di crescita turistica e vogliamo avere una presenza attiva vista la grande domanda in crescita nei mercati europei”.

Il gruppo Iberostar ha un solo hotel, in particolare a Boa Vista, e il piano di espansione strategica del gruppo, presieduto da Miguel Fluxá, è quello di aumentare questa offerta a causa della domanda del turismo britannico e tedesco. Riu, da parte sua, ha un’offerta completa in questa destinazione e dispone di un totale di sei hotel sparsi tra Sal e Boa Vista. È la filiera che genera più occupazione a Capo Verde, con quasi 4.000 addetti. Questa cifra spettacolare è superata solo dal governo del paese situato sulla costa nord-occidentale dell’Africa. Questo aumento della presenza alberghiera maiorchina avrà anche un impatto diretto su tutte le società di servizi che li accompagnano nella loro internazionalizzazione.

L’associazione dei datori di lavoro Asinem, che comprende le imprese d’installazione, indica che la crescita dell’attività a Capo Verde sarà esponenziale e già supera quella di Marocco, Zanzibar, Tanzania ed Egitto. «Capo Verde è diventato il paese principale in termini d’investimento alberghiero e attrazione di società di servizi nelle Isole Baleari, poiché è un paese molto diverso dal resto del continente africano per la sua tranquillità, sicurezza e offerta di vacanze per il tempo libero per tutti i segmenti “, sottolinea Asinem.