balene boavista capo verde

La primavera 2019, stagione riproduttiva delle balene, sta offrendo momenti unici ai biologi e ai turisti per l’osservazione delle megattere e quest’anno è stato il ritorno di un esemplare che non si vedeva da 20 anni.

A marzo di quest’anno, i suoi disegni sulla coda – che sono una sorta di impronta digitale delle balene – sono stato riconosciuti. Una biologa dell’associazione ambientalista Bios.CV, ha detto che per ora è impossibile sapere dove andasse questa balena, né cosa l’abbia riportata indietro dopo tanto tempo.

Attualmente ci sono 270 individui identificati dalle associazioni ambientaliste che monitorano il loro passaggio attraverso le acque di Capo Verde, per il momento della riproduzione e, quindi, una sorta di “parco giochi”, dove i giovani esemplari possono essere visti accanto alle madri. Attraverso questi avvistamenti, le code delle balene sono registrate e catalogate per il monitoraggio, che è centralizzato a Boston, negli Stati Uniti.

“Non ci sono due parti interne identiche della coda di balena”, ha detto il biologo, che è in grado di seguire le tracce di questi cetacei, protetti a Capo Verde e a livello internazionale, tenendo conto del piccolo numero di individui.

La balena di Bossa (megattera), dal nome scientifico Megaptera novaeangliae, sceglie le acque capoverdiane per la riproduzione, dopo aver passato l’inverno a nutrirsi in Islanda e nel mare del nord in Norvegia settentrionale. Lungo la strada, attraversa le Azzorre. Finora, le acque al largo dell’isola di Boavista sono state le preferite da questi cetacei, ma gli avvistamenti avvengono anche sull’isola di Maio e quest’anno, per la prima volta, anche sull’isola di Santiago.

Per proteggere i piccoli dai predatori, queste balene si avvicinano alla riva, in acque meno profonde, permettendo così di essere viste facilmente, a volte anche dalla spiaggia. È stato possibile osservare i giovani che imparano il canto dei loro genitori – solo i maschi “cantano” – mentre le giovani femmine seguono la madre per apprendere la strada che più tardi la condurrà al luogo della riproduzione.

Quando si esce in escursione in mare in aprile, si ha una probabilità del 90% di vedere le balene una percentuale che scende al 60-70% a maggio. Per prenotare l’escursione o chiedere informazioni si può andare qui: WHALE WATCHING BOAVISTA.

BiosCV è un’organizzazione non governativa capoverdiana i cui obiettivi sono la conservazione, lo studio e la protezione dell’ambiente, la promozione dello sviluppo sostenibile delle comunità locali, nonché iniziative educative e culturali sulla natura e la cultura di Cabo verde.