Matrimonio a Capo Verde

Il matrimonio è qualcosa che indipendentemente dal sesso e dalla religione, qualcosa che è un sogno per molte persone, e la realizzazione di quel sogno ha i suoi protocolli in ambito religioso come in quello civile in qualsiasi paese ea Capo Verde non è diverso. Anche se i matrimoni sono rari a Capo Verde, la maggior parte dei cattolici. Coloro che intendono sposarsi devono dichiararlo, personalmente o tramite un legale (dello sposo e del procuratore), in una anagrafe o delegazione anagrafica e richiede l’avvio del processo matrimoniale. Solo una delle nozze (fidanzato, parole correlate, sposato, imprenditore, madrina) può essere rappresentata da un delegato.

Chi può presentare domanda a Capo Verde sono gli sposi, cittadini single maggiorenni interessati e che non presentano alcuna anomalia psichica o famigerata demenza; Avvocato. Il matrimonio può essere celebrato presso qualsiasi ufficio dello stato civile.

arroz
casamento-civil
Destino-para-casamento-em-resort-hotel(1)
_an_1732

Doc. Richiesto per / Nazionali

  • Documento di identificazione per gli sposi (carta d’identità) e passaporto o altro documento equivalente per i cittadini non residenti;
  • Certificato di nascita per gli sposi;
  • copia dei documenti di identità di due testimoni.

Per gli stranieri

  • Documenti di identità per gli sposi (carte d’identità) e passaporto o altro documento equivalente per i cittadini non residenti;
  • passaporto o documento equivalente;
  • Certificato di nascita per gli sposi, valido 6 mesi;
  • certificato di capacità coniugale, valido 6 mesi;

Commenti

  • Certificati o documenti, scritti in una lingua straniera, devono essere adeguatamente tradotti e la loro traduzione certificata.
  • Se lo straniero non conosce la lingua portoghese e il funzionario non parla la lingua in cui parla, deve essere nominato un interprete.

Matrimonio religioso

A Capo Verde la maggioranza religiosa è cattolica cristiana. I matrimoni sono qualcosa di raro, che quando vengono celebrati, sono in pompa magna e circostanza. Celebrato con feste che durano giorni. Inizialmente su isole come Santiago, il matrimonio non era parlato come matrimonio, ma come unione di legami, case e partnership, di affinità e aiuto reciproco tra le persone coinvolte, considerati punti fondamentali nella tradizionale famiglia capoverdiana. Non è un caso che nel seno delle famiglie si trovino dei “fratelli”, che non sono di sangue ma sono stati allevati come tali, con gli stessi diritti.

Questi sono fatti che rendono straordinario il matrimonio, rendendolo un atto nobile. Privilegio di celebrare l’atto d’amore, ma prima della cerimonia i fidanzati dovevano ricevere l’approvazione dei genitori della sposa in generale, che poteva essere un sì o un no, quando il matrimonio non veniva accettato. Gli uomini lo hanno espresso con un atto orribile, rapendo le spose (o scappando con loro). Quando la deflorazione della giovane donna era già avvenuta, l’uomo è tornato per avvisare la famiglia del rapimento o presunto rapimento e vedere cosa è successo, che spesso si è conclusa con la convivenza coniugale della coppia. Un atto molto maschilista, ma che in alcuni paesi era abbastanza comune non solo qui a Capo Verde.

Ma tornando alle nozze, dopo il sì dei genitori della sposa, iniziano i preparativi dopo la benedizione del sacerdote in chiesa, era usanza che i genitori dessero la benedizione a casa (gli uomini venivano benedetti fuori casa perché colui che lavora, e la donna dentro casa perché si prende cura della famiglia) e che i parenti dello sposo erano a casa per ricevere la sposa quando è arrivata la chiesa. Le feste lì sarebbero proseguite tutta la notte e i giorni dopo, con rucola, tanto cibo tradizionale, come cambio di alcuni animali, per la preparazione di vari piatti.

Il «copo de água» 

Viene servito a casa dei genitori della sposa. Nel mezzo della festa scompare, ma dietro c’è un apparato di formalità. Persone che aspettano in un luogo seminascosto per farla franca con la sposa che appartiene alla famiglia del marito. Insieme al fuggitivo, prendono la loro valigia o “fagotto” con le loro cose. La madre, quando sente la mancanza della figlia, piange la perdita del familiare. La festa proseguirà a casa dei genitori dello sposo, che vede crescere il suo elemento familiare con l’arrivo della nuova nuora, trattata come una figlia.

Catolica: documenti per la cerimonia in chiesa

  • Xerox della carta d’identità (RG) degli sposi;
  • Certificato di battesimo degli sposi;
  • Certificato di morte, se uno dei due è vedovo;
  • Protocollo di procedura civile;
  • Pagamento della quota della chiesa. Oltre a presentare la documentazione necessaria, la coppia dovrebbe seguire un corso in cui verrà presentata l’importanza della religione e della famiglia. Se uno degli sposi non è battezzato, il battesimo può essere fatto il giorno del corso. La coppia deve essere single o vedova.
casamento 2

Il cattolicesimo non approva il divorzio, quindi le persone divorziate non possono sposarsi nella Chiesa cattolica. Il sacerdote celebra la cerimonia, benedice gli sposi e l’intero processo è testimoniato dagli sponsor e dagli ospiti che partecipano alla celebrazione. Dopo la cerimonia, gli sposi ricevono i saluti degli invitati con una festa. La sposa indossa un abito bianco (i più audaci optano per altri colori, nessun problema) e lo sposo un abito. Alla fine della festa, lancia il bouquet alla non sposata e quella che cattura, si crede, sarà la prossima sposa.

X