baby turtle

L’aumento delle temperature minaccia le tartarughe di Capo Verde

Secondo una nuova ricerca, l’aumento delle temperature potrebbe significare che nessuna tartaruga maschio si schiuderà in un terreno fertile entro la fine di questo secolo.

Lo studio dell’Università di Exeter avverte inoltre che, entro il 2100, oltre il 90% dei nidi di tartarughe nelle isole di Capo Verde potrebbe incubare a “temperature letalmente alte”, uccidendo le tartarughe prima che si schiudano.

Il sesso dei cuccioli di tartaruga è determinato dalla temperatura di incubazione e questo studio ha combinato i dati attuali di temperatura e schiusa con le proiezioni dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC). In uno scenario basato su basse emissioni e riscaldamento futuri, entro il 2100 solo lo 0,14% dei piccoli sarebbe maschio. In scenari a medio e lungo periodo, la schiusa delle tartarughe maschio potrebbe cessare del tutto.

“Capo Verde ospita una delle più grandi popolazioni nidificanti di tartarughe marine al mondo – fino al 15% del totale globale delle nidificazioni”, ha affermato la dott.ssa Lucy Hawkes, dell’Università di Exeter. “Stimiamo che l’84% degli attuali piccoli siano femmine e che temperature più calde aumenteranno questa proporzione. In tutti e tre gli scenari sui cambiamenti climatici nel nostro studio, nel 2100 oltre il 99% dei cuccioli sarebbero femmine – e in scenari a medio e lungo periodo non ci sarebbero affatto maschi”.

L’autrice principale Claire Tanner, che ha lavorato allo studio nell’ambito di un master presso l’Università di Exeter, ha dichiarato: “Ciò che ci ha sorpreso è stato come anche lo scenario di corto periodo abbia effetti dannosi per questa popolazione. Ciò dimostra che ora è il momento di agire sui cambiamenti climatici – prima che sia troppo tardi per impedire le stime viste in questo documento”.

Le proiezioni nello studio si basano sull’attuale comportamento di nidificazione e i ricercatori affermano che le tartarughe potrebbero adattarsi in una certa misura, annidando all’inizio dell’anno, quando è più fresco. Il dottor Hawkes ha affermato che la selezione naturale dovrebbe favorire le tartarughe che lo fanno, ma la lunga vita delle tartarughe e la velocità dei cambiamenti climatici probabilmente significheranno che non possono evolversi abbastanza velocemente.

Circa l’85% dei nidi di testuggine a Capo Verde è attualmente deposto su Boa Vista, dove le temperature di incubazione sono più fresche, quindi la maggior parte della specie non può passare alle isole più fredde. Tuttavia, lo studio afferma che potrebbero trarre vantaggio da “refugia” – luoghi in cui caratteristiche specifiche, come l’ombra degli alberi o del paesaggio, offrono condizioni più fresche.

Non è chiaro quanto tempo impiegherà la popolazione marina a declinare, se i maschi smettono di essere prodotti, poiché la durata riproduttiva dei maschi non è nota – quindi i maschi più anziani potrebbero continuare a riprodursi per molti anni dopo che i nuovi maschi smetteranno di nascere.

Lo studio ha utilizzato i dati raccolti da CSIC (Siviglia, Spagna) e tre previsioni IPCC per l’aumento della temperatura dell’aria superficiale entro la fine di questo secolo: bassa (1,8 °C), media (2,8 °C) e alta (3,4 °C).

A Boavista è possibile visitare i nidi di tartaruga e vedere la deposizione delle uova (da luglio a ottobre). In questa pagina tutte le informazioni: VAI ALL’ESCURSIONE.

Altre notizie interessanti

Nuova legge sull’alcool a Capo Verde – IGAE chiarisce i dubbi

Una nuova legge sull'alcol è entrata in vigore venerdì 4 ottobre, ma molti cittadini sono in dubbio e affermano di essere "confusi" con l'applicabilità della nuova legge. Tra le domande sollevate, c'è il dubbio se fosse vietato vendere bevande alcoliche nei bar, ristoranti, negozi di alimentari e locali pubblici. L'Ispettorato generale delle attività economiche (IGAE) [...]

Formaggio di capra dall’isola di Boa Vista

Dalla scoperta dell’arcipelago, l’isola di Boa Vista è stata utilizzata per allevare bestiame, soprattutto capre, le cui carni e pelli hanno fornito navi che trasportavano schiavi in Brasile e sono stati prodotti di commercio con l’Europa. L’ isola non aveva produzione agricola diversa dal cotone. Il mais e i fagioli per il sostentamento della popolazione [...]

Progetto “Imparando dalla natura”

L'educatrice e biologa Katia Regina ha dato a Infopress un feedback molto positivo dopo che i bambini della scuola primaria di Boavista hanno visitato il campo di ricerca della Fondazione Tartaruga sulla spiaggia di Boa Esperança, per il programma "Imparare dalla natura". Il programma è iniziato la mattina, quando la classe ha concordato un codice [...]

La settimana della Morna a Boavista

La Morna è il genere musicale che identifica maggiormente il popolo capoverdiano. È veramente un simbolo nazionale, proprio come il tango è per l'Argentina, la rumba per Cuba, il fado per il Portogallo, ecc. Alcuni generi musicali di Capo Verde sono più o meno apprezzati in base all'età dell'ascoltatore, alla stagione, al paese di origine, [...]

Help for Boa Vista

Help for Boa Vista Help for Boa Vista è un'associazione senza scopo di lucro che sostiene le popolazioni più povere delle isole di Capo Verde, in particolare a Boa Vista, con donazioni di articoli/ materiali, cibo non deperibile o soldi. I fondatori hanno visitato Capo Verde per la prima volta nel 2013, in particolare Boa [...]

Duque Di Bragança

Duque Di Bragança Di fronte alla baia di Sal Rei si vede una piccola isola con il suo forte nome, "Duque di bragança", che è stato costruito dai portoghesi per combattere i possibili attacchi dei pirati. Ilhéu de Sal Rei è un'isola disabitata vicino alla costa dell'isola di Boa Vista, Capo Verde. Si trova a [...]